Close

Not a member yet? Register now and get started.

lock and key

Sign in to your account.

Account Login

Forgot your password?

Google alert: un alleato strategico per il proprio business

Le PMI dovrebbero dedicarsi all’essere presenti – con competenza e disponibilità – in quegli spazi dove i propri clienti-target si informano e formano le proprie decisioni d’acquisto, anche per monitorare l’opinione che il mercato esprime nei confronti dell’azienda e dei suoi concorrenti.

Internet è un mondo molto vasto, ed è facile perdersi nel cercare di raccogliere informazioni aggiornate sul proprio settore e sulle possibili opportunità del proprio business; per ottimizzare i tempi, tra i molteplici tool che il digitale offre troviamo Google News Alert.

News Alert è uno strumento offerto da Google che consente di monitorare sia il proprio sito/blog che le fonti di informazione sul web: il tool è utile per chi è interessato a presidiare e ingaggiare l’audience – attraverso commenti, interventi, articoli, interviste – nel proprio campo di competenza.google alert

Google Alert consente di configurare una query (letteralmente significa interrogazione, richiesta, domanda; ognuno di noi effettua delle query quando cerca delle informazioni su Google per uno specifico argomento), selezionando le parole chiave e le fonti dove ricercare le informazioni (tutto il web, news, blog, discussioni…). Il tool invia poi via mail i risultati ottenuti, con una frequenza variabile a seconda delle preferenze dell’utente:

  • inserire le “parole chiave” che devono essere trovate: Google ha milioni di programmi di monitoraggio che tengono sempre traccia di tutto ciò che accade online e può scovare ogni tipo di informazione
  • definire quello che Google cerca grazie ai settaggi addizionali presenti sulla pagina: fare in modo che cerchi solo blog, novità, libri, video, discussioni o qualunque cosa;  un buon modo per evitare di essere sommersi da notizie non importanti
  • scegliere tra un aggiornamento giornaliero o settimanale e quali tipi di risultati includere. Una volta attivato, Google alert  funziona fino a quando si decide di disattivarlo

Google alert rappresenta un alleato strategico per il proprio business perchè consente di:

  • monitorare le menzioni esterne del proprio brand/sito e sapere quando qualcuno li cita; controllare come, doveperchè e se vi ha citato senza linkarvi, contattatelo e fatevi linkare perchè ricevere link in entrata da siti di qualità contribuisce a incrementare la notorietà e credibilità di un sito, migliorandone l’indicizzazionegoogle alerts
  • monitorare le menzioni dei competitor per sapere quando vengono citati e da chi; ricevuti gli alert è bene controllare il perchè delle citazioni e porsi delle domande: si può suggerire a chi ha realizzato il contenuto in questione di citare anche voi? Potete proporvi come fonte alternativa? Anche se vi va’ male, scoprirete senza sforzi da dove arriva parte dei link dei vostri competitor
  • scoprire nuovi possibili link partner per avviare un’attività di scambio link reciproci con lo scopo di migliorare il ranking sui motori di ricerca
  • monitorare l’arrivo di possibili nuovi competitor usando come query alcune delle keyword per cui state cercando di posizionarvi o per cui siete già posizionati; avrete informazioni aggiornate su chi sono i vostri concorrenti, quando ne arrivano di nuovi, etc. Questo permetterà di avere un’immagine sempre aggiornata del proprio “campo di gioco”
  • monitorare la propria web reputation, presidiare la rete e le opinioni dei clienti e degli utenti riguardo al proprio brand è fondamentale per gestire la presenza e la reputazione online in maniera efficace, conoscere le opinioni positive o negative degli utenti e risolvere eventuali situazioni di “consumatori scontenti”, agendo di conseguenza
  • definire un’alert per una parola chiave che riguarda la propria comunità locale o virtuale.  Ad esempio, utilizzare frasi chiave come “eventi commerciali Bergamo”; in questo modo ci si può aggiornare su quello che avviene nella propria comunità.

Il punto chiave è presidiare e monitorare determinate informazioni nel proprio campo di competenza con una presenza discreta, con contenuti di valore aggiunto e con la capacità di recare un messaggio il più personalizzato possibile rispetto al contesto in cui la conversazione si produce.

Se desiderate aggiornamenti sui vari strumenti strategici per migliorare il business, contattateci!

 

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.