Close

Not a member yet? Register now and get started.

lock and key

Sign in to your account.

Account Login

Forgot your password?

Case History Microgiardini: Fase 3. Definizione del piano editoriale

Piano editoriale Digital Marketing Microgiardini

Dopo aver stabilito la strategia digitale da seguire, il passo successivo è la definizione del piano editoriale.

Innanzitutto bisogna dire che il piano editoriale per una campagna di Social Media Marketing è composto di tanti livelli, tanti quanti sono gli strumenti e le piattaforme da utilizzare.

In secondo luogo, bisogna sempre tener presente un’unica regola generale: creare contenuti validi e interessanti in modo da coinvolgere l’utenza.

Un altro aspetto fondamentale da considerare riguarda le reali necessità dell’azienda: la maggior parte delle piattaforme Social Media sono gratuite ma questo non vuol dire che bisogna iscriversi a tutte.

Il piano editoriale per Microgiardini tiene perciò conto di alcuni parametri:

  • il tipo di social media più adatto considerando le peculiarità di ogni strumento;
  • il tipo di comunicazione e contenuti da trasmettere al nostro pubblico;
  • la frequenza di aggiornamento dei messaggi da veicolare.

Quindi, i passi da fare sono:

  • Scegliere e creare i vari profili social: Facebook, Twitter, Flickr e Pinterest.Fatto ciò, si abbina ogni social network un target di riferimento:
    Facebook-> B2C, ovvero consumatori finali;
    Twitter-> B2B, ovvero aziende interessate al settore promozionale;
    Flickr e Pinterest ->  sia al B2C che al B2B attraverso la condivisione di foto e album.
  • Valutare e adottare un tipo di comunicazione adatta per i social media.
    Su tutti i canali, come prima cosa, presentare le caratteristiche del prodotto.Lo step successivo è quello di offrire, un servizio di customer care rivolto ai consumatori per assisterli nel postvendita.In un secondo tempo sui social, si dà il via a diverse iniziative: spazi (tab per Facebook), rubriche (con aggiornamenti quotidiani, settimanali e mensili) su temi legati al ‘verde’, concorsi e promozioni.
  • Creazione della newsletter da inviare a tre tipologie di clientela (privati, rivenditori e aziende) per informarli della presenza di Microgiardini sui social e per invitarli a seguirci sui vari profili. Aggiornamento mensile.
  • Creazione del blog di Microgiardini in cui si parla di piante, fiori e argomenti attinenti. Aggiornamento quotidiano.

Il prossimo passo è proprio la creazione dei profili social. Lo scopriremo nella prossima fase della Case history.